Articoli

Considerazioni

Progetti

 

Benvenuto

Se qualche imprecisato motivo ti ha condotto qui, benvenuto!

Quello che vedi è il mio sito personale, un luogo che tengo per me ma che condivido volentieri; ci troverai molto di me e dei miei interessi, ma mi farebbe piacere se divenisse un luogo in cui torneresti volentieri; qui parleremo di tutto, dallo sport alla musica, di informatica e hi-tech, del mio mondo e, se lo vorrai, anche del tuo. Se ti piace scrivere registrati e inizia a pubblicare i tuoi contributi; mi farebbe piacere creare una community dinamica, allegra e alla buona, parlando di tutto sempre con un sorriso, e magari un bicchiere di buon vino.

Chiunque avrà la possibilitare di pubblicare il proprio articolo dopo essersi registrato gratuitamente. Se tutto questo ti interessa, benvenuto!

Armando Mancini

×

Messaggio

Nuova Normativa sui Cookie

Questo sito utilizza cookies per gestire l'autenticazione, la navigazione ed altre funzionalità. Utilizzando il nostro sito, accetti implicitamente la possibilità di ricevere sui tuoi dispositivi dei cookie atti a migliorare e gestire la user-experience.

Leggi la documentazione della direttiva e-Privacy

Non hai acconsentito di utilizzare i cookie. Questa decisione può essere cambiata cliccando sul pulsante a fianco.

ImageUn disco che ha fatto storia già solo dalla copertina "della mucca", in realtà si coglievano già i segni che avrebbero poi generato "The dark side of the moon"; una suite lunghissima come di moda allora (siamo nel 1970), accompagnata da cori e un intro di chitarra talmente inconfondibile da essere scelto per moltissime pubblicità (in Italia per l'acqua Sangemini), è considerato da molti un capolavoro, un monumento al rock progressivo... Anche Kubrik avrebbe voluto usarla per "Arancia meccanica", ma per fortuna non se ne fece niente....

Oltre al titolo main track, in questo disco troviamo una bella canzone "If", di Waters (che l'autore regolarmente esegue nei suoi concerti), "Summer '68" di Wright, e "Fat Old Sun" di Gilmour, presente in scaletta fin dall'inizio dell'anno e composta nello stesso periodo di Grantchester Meadows di Waters.
L'ultimo brano, "Alan's Psychedelic Breakfast", rappresenta un tipico esempio di sperimentazione floydiana.
Affermò Waters: "Non era una novità.Avevamo un disco quasi finito ma dovevamo ancora riempire parecchi minuti. Tutti cercavano freneticamente di scrivere canzoni e all'inizio pensavo di buttar giù qualcosa sul ritmo di un rubinetto che gocciola. Poi l'idea si estese fino a coinvolgere l'intera cucina. Quello che si ascolta sul vinile è un'accurato quadro musicale in stereofonia di una cucina con qualcuno che entra, apre una finestra, riempie un pentolino e lo mette a bollire sul fuoco. Ma al posto della scintilla del gas c'è un accordo, per il fiammifero che si accende, un altro accordo. Finché il tutto prende la forma di un brano musicale".

Quasi tutti i rumori della cucina, insieme a una divertente conversazione con il roadie Alan Stiles, furono registrati nella cucina di Mason. La musica fu poi aggiunta ad Abbey Road. Dato il suo carattere sperimentale il brano fu eseguito poche volte dal vivo, giusto in qualche concerto inglese in prossimità delle feste natalizie, anche perchè in realtà i Floyd non erano del tutto soddisfatti del risultato. Poco prima della partenza per il tour Waters spiegò alla rivista Sounds:l\£ difficoltà a eseguire Alan's dal vivo sono ovviamente di tipo logistico. Va da sé che non possiamo portarci dietro un'intera cucina ma sono necessari comunque sul palco un tavolo o qualcosa del genere per friggere le uova, far bollire l'acqua eccetera ". Nel caso, l'incombenza spettava ai roadies, che sulle note di gioiose carole friggevano uova e prosciutto e servivano il tè.A suggellare l'atmosfera festosa, un Mason vestito da Babbo Natale.
Atom Heart Motber attirò l'attenzione di Stanley Kubrick, che l'avrebbe voluta per la colonna sonora di Arancia Meccanica (dal romanzo di Anthony Burgess).
Dice Waters: "Voleva Atom Heart Mother ma continuava a cambiar parere. Ci telefonò, ce la chiese e noi rispondemmo: 'Va bene, cosa vuoi farne?'. Non lo sapeva nemmeno lui, disse solo che voleva usarla, "come voglio - quando voglio". E noi: 'Be, allora non te la diamo'."